Fontanelle non ripristinabili

Si chiede alla comunità di esprimersi sul modo di aggiornare i dati nel caso di elementi ancora esistenti, non utilizzabili, le cui funzionalità non verranno più ripristinate per volontà espressa del proprietario.
E’ questo il caso è quello di alcune fontanelle, di proprietà Comunale, che sono state chiuse, non verranno più ripristinate ma non vengono rimosse solo per ragioni economiche. La demolizione ha infatti un costo per cui risulta più conveniente sigillare la condotta di mandata.
Le ragioni per le quali non verranno ripristinate sono molteplici fra cui anche l’uso improprio dell’acqua potabile e la crisi idrica.
Tale fattispecie non è disciplinata e i tag comunemente utilizzati sembrano far riferimento ad elementi potenzialmente ripristinabili o potenzialmente utilizzabili in quanto il loro “ciclo di vita” non è concluso ma solo interrotto.

Fra questi alcuni tag e combinazioni:

Il tag abandoned è usato per edifici building=* e altri elementi artificiali che sono caduti in grave degrado, sembrano essere inutilizzati e non possono essere rimessi in funzione senza costose riparazioni, ma rimangono identificabili come lo stesso elemento.
Tag disused è una proprietà che viene aggiunta alle funzionalità che sono in un ragionevole stato di manutenzione ma che sono attualmente inutilizzate. Ha senso utilizzarlo nel caso in cui essere “inutilizzato” non annulli la funzione primaria di una funzionalità.
Il tag amenity è utilizzato per mappare le strutture utilizzate da visitatori e residenti. Ad esempio: servizi igienici, telefoni, banche, farmacie, bar, parcheggi e scuole. Vedi la pagina Amenityper un’introduzione sul suo utilizzo.
disused:amenity=* è usato per amenity=* funzionalità che sono in un ragionevole stato di manutenzione ma che sono attualmente inutilizzate. Gli esempi includono edifici di ristoranti polverosi vuoti o sbarrati o parcheggi inutilizzati.
Per amenity=* funzionalità che possono essere ripristinate solo con sforzi di riparazione significativi, utilizzare il prefisso abandoned:=

Altra soluzione sarebbe quella di cancellare l’elemento visto che il suo “ciclo di vita” si è concluso per volontà espressa dell’ente proprietario il quale non procede alla sua rimozione solo per ragioni economiche (e non vi è una esatta corrispondenza con le fasi di decadimento disciplinate, questo anche considerando delle caratteristiche fisiche dell’elemento).

grazie

Taggo @totera in quanto interessato dalla vicenda. Io personalmente (come già espresso in questo changeset) sono d’accordo con la sua scelta di ripristinare le fontanelle cancellate con i prefissi lifecycle, se una cosa esiste ha senso venga mappata anche se non svolge piú il suo ruolo originario.

1 Like

Io anche sono favorevole a tenerle, specificando bene che non funzionano

1 Like

anch’io sono per tenerle, con apposito tagging, ad esempio distinguerei tra amenity=fountain, disused=yes (che rimane una fontana anche senza acqua) e disused:amenity=drinking_water (che non è più drinking water) insieme a fountain=* (secondo il caso).

Tra altro non si sa mai se non saranno ripristinate, quello dipende dalla volontà, anche se attualmente sembrerebbe del tutto improbabile. Il parere del comune potrebbe cambiare con ogni elezione.

Non si tratta di volontà politica, ma gestionale e vincolata da esigenze attuative che non verranno modificate.
Logicamente la procedura se definita dovrebbe essere estesa a qualsiasi altro elemento presente in mappa con caratteristiche paragonabili (es. fermate autobus o dove i pali della segnaletica sono fisicamente ancora visibili ma la linea e le indicazioni sono state eliminate)

il quesito è diverso

In generale, OSM rappresenta la realtà fisica e si cancella soltanto ciò che non esiste, altrimenti si inventa un nuovo tag. Però la fontanella in buono stato e senza acqua è un esempio tipico di disused. Quale sia la causa non fa differenza.

I criteri e gli esempi mirano a far chiarezza nella zona grigia tra “non funzionante” e “(semi)distrutto”, disused vs abandoned, quindi direi che vogliono essere informativi, più che normativi. Naturalmente, i nomi dei tag non hanno un significato letterale, ma sono identificativi alfanumerici.

Le fermate degli autobus non sono mai veramente disused. Vengono lasciate per usarle all’occorrenza, in caso di deviazioni temporanee. Il fatto che nessuna relazione che rappresenta una corsa di linea contiene la fermata è di per sé indicativo che l’autobus non passa normalmente.

Poi l’utente decide se gli oggetti mappati sono utili. Chiedo indicazioni e mi dicono “vicino alla fontanella”; uno in carrozzella, che pianifica il percorso da casa, scopre che c’è un ostacolo; i comitati di cittadini hanno un dataset per stimare il danno causato dal Comune; …

2 Likes

L’idea era quella di creare un nuovo tag perchè disused:* non è attinente in quanto indica “Attualmente non in uso, ma potrebbe essere ripristinato facilmente”

Precisamente: basta girare una manopola. Il criterio, di carattere informativo anziché normativo, si riferisce all’entità modesta del lavoro fisico, allude velatamente al fatto che abandoned implica solitamente riparazioni difficili / faticose / pervasive / costose / ecc ecc (anche io in questo momento cerco di descrivere caratteristiche tipiche, anziché delimitare una casistica universale per una realtà che è multiforme). I piani per il futuro non hanno rilevanza per OSM in generale, e anche in questo caso non cambiano il tagging. Di conseguenza disused ci sta bene.

1 Like

Non so l’indicazione dovrebbe essere “non più in uso, in attesa di essere rimosso”

Appunto, lo sanno tutti che disused comprende anche quello